Juventus Logo

Juventus FC LogoLa Juventus (nome completo Juventus Football Club, abbreviazione Juve) è una squadra di calcio professionistica della città italiana di Torino, fondata nel 1897. È la più titolata d’Europa, appartiene alla famiglia Agnelli e Mauricio Sarri.

Il 1 ° novembre 1897 13 studenti del Liceo di Torino D’Azeglio si sedettero sulla panchina tra i prati del re Umberto e del principe Vittorio Emanuele. E gli venne in mente di organizzare una squadra di calcio. Secondo la loro lingua, suonava “Calcio Fiorentino”. Il club è stato chiamato in loro onore – Juventus.

Ma c’era un dilemma con il quartier generale; non avevano un posto dove riunirsi. Il ventenne Eugenio Campari ha offerto un negozio per i genitori per la riparazione di biciclette per le riunioni. Inoltre, è passato alla storia come il primo presidente della Juventus.

Torino è tradotto dal latino (Toro) come “toro”. Questa creazione cornuta ‘calpestava’ il suo posto nello stemma del capoluogo piemontese e nello stemma del club. E nell’anno del Toro nel 1985, la Juventus vinse la prima di due delle sue Coppe dei Campioni. Nel sanguinoso finale di “Heysel”, dove morirono 39 fan, i turaniani hanno battuto il Liverpool con il punteggio di 1: 0.

Parlando del colore di forma dei calciatori, la Juventus ha iniziato a giocare con le magliette rosa. Nel 1903, in fabbrica, per errore, al posto delle magliette rosa, furono realizzate in bianco e nero. Ma non c’erano tempo e denaro per crearne di nuovi, e fu deciso di lasciare quelli difettosi per i successivi 112 anni. Secondo un’altra versione, hanno rifiutato il rosa, perché non tolleravano il lavaggio. L’inglese John Savage (uno dei membri della squadra) ha portato le strisce bianche e nere della contea di Notts. Così, la più vecchia delle squadre che attualmente giocano al mondo ha trasformato la Juventus in un “bianconero”.

Per molti anni c’era una zebra sul logo della Juventus, e anche i giocatori della squadra venivano chiamati “zebre”. Ma il più popolare era il soprannome di Vecchia Signora, ottenuto, secondo una leggenda, dai tifosi di “Torino”. Negli anni ’30 del XX secolo, i giovani giocavano in magliette per un paio di taglie in più, che nel vento creavano una gobba. Ecco perché sono stati soprannominati “la vecchia signora”.

Significato ed evoluzione

Juventus FC Logo Geschiedenis

Un emblema luminoso e ben noto ha sempre contraddistinto la leggendaria squadra di calcio europea. È tutt’uno con la sua identità visiva, che riflette il suo spirito, essenza e personalità. Il logo è stato progettato nel 1905 ma contiene ancora la versione originale e la tavolozza dei colori originale. Allo stesso tempo, è cambiato più volte.

Il logo della Juventus 2004-2007 consisteva in uno scudo ovale con all’interno sette strisce verticali: tre nere e quattro bianche. Una scritta scura “Juventus” su sfondo chiaro era situata nella parte superiore dello stemma. Il furioso Toro bianco dalla parte inferiore del logo, il simbolo di Torino, è stato posto su uno sfondo scuro e decorato con una corona nera. Le stelle d’oro sono state rimosse perché riconosciute come proprietà dei risultati sportivi ma non come elemento della personalità del club.

Nel 2012, la Juventus ha rimosso le stelle dal logo. In base al principio, in fondo, 2 scudetti su 33 del club sono stati riconosciuti come acquistati.

A metà gennaio la Juventus ha introdotto un nuovo logo. Non ha senso cercare di trovare paralleli e collegamenti con la storia. Ora non riuscivi a trovare Toro, zebra o scudo lì. I tifosi sono scioccati dal nuovo logo della Juventus. Tuttavia, la direzione del club insiste sul fatto che il nuovo logo renderà la Juventus un club del mondo reale. Come, ora, “Juventus” non dovrebbe essere associata solo a Torino, ma in realtà è una decisione piuttosto controversa. Solo il tempo dirà se “la Vecchia Signora” porta qualche beneficio o meno.

1905 – 1921

La versione di apertura sembra un segno araldico. Presenta un ovale verticale rigato con un toro in piedi sulle zampe posteriori, al di sopra del quale si trova una grande corona e la scritta “Juventus” su fondo bianco. Centrotavola circondano elementi curvi a forma di calice. Sopra di loro c’è un nastro stilizzato con il motto latino “Non coronabitur nici qui legitime cartaverit”. I colori principali del logo sono il bianco e il nero.

1921 – 1929

A questo periodo appartiene un emblema colorato. I designer ne hanno rimosso i dettagli non necessari, concentrandosi sull’ellisse verticale allungata. Tutti gli elementi hanno ricevuto bordi giallo scuro. I designer hanno semplificato il secondo logo rimuovendo tutto tranne l’ovale ei suoi elementi. I contorni, le lettere, la corona e il toro sono ora d’oro e le forme geometriche sono blu. Sorprendentemente, il colore blu è di grande importanza per la Juventus, perché il toro, rappresentato sullo stemma della città.

1929 – 1931

Quasi tutti gli emblemi che erano in uso prima del 1970 hanno una struttura simile. Ma la versione del 1929 è stata un’eccezione. Il giornalista italiano Carlo Bergoglio ha proposto di sostituire il toro di Torino con una zebra in modo che il logo riflettesse il soprannome non ufficiale del club, Le Zebre. I progettisti hanno ascoltato la sua idea e apportato piccole correzioni. Nel 1929, gli atleti passarono di nuovo a una versione monocromatica in bianco e nero del logo, cambiando il toro centrale in una zebra. L’animale a strisce sullo sfondo a strisce sembrava inimitabile e accattivante, quindi a quel tempo la squadra ricevette il soprannome di Zebre.

1931 – 1977

Dopo anni di presenza della zebra sul logo, è stato finalmente rimosso, sostituito da un toro potente ed energico con un enorme garrese. Sta sulle zampe posteriori, allungando la testa in avanti con le corna affilate. I progettisti ingrandirono anche la corona, dandole l’aspetto di un muro di fortezza inespugnabile, e modificarono lo stile delle lettere, rendendole geometriche. Gli sviluppatori hanno abbandonato il tipico carattere tipografico e ne hanno inventato uno proprio. Gli elementi che erano giallo oro nel 1921-1929 sono ora marrone chiaro.

1977 – 1982

Il logo stereo appartiene a quel periodo. Sembra lo stereo, con contorni sfocati che sembrano sovrapposti l’uno sull’altro. In alto davanti al cavallo di coda di bue c’è una stella bianca a cinque punte, e sotto c’è la scritta “Juventus F.C.”, derivata dal nome completo della Juventus Football Club.

1982 – 1989

Gli sviluppatori hanno modificato le proporzioni degli elementi del logo. Il cavallo ora è più piccolo. L’animale circonda il nome della squadra in cui le lettere “F” e “C” sono poste a destra ea sinistra della figura stereoscopica centrale.

1989 – 2004

Dopo un piccolo aggiornamento, l’emblema è tornato alle sue origini. La corona è quasi la stessa del logo 1905-1921. Anche il toro sembra la vecchia versione, ma gli artisti hanno cambiato la sua forma, quindi è difficile capire dalla sagoma quale animale sia. C’è una linea dorata lungo il contorno esterno, che fa sembrare il segno grafico simile alla versione 1921-1929. Le due stelle a cinque punte che prima erano a sinistra della zebra sono ora collocate sopra lo scudo ovale.

2004 – 2017

Gli specialisti hanno sviluppato il nuovo emblema del club dell’agenzia Interbrand. Hanno cercato di creare un emblema stilizzato preservando i simboli storici della Juventus. Il design corrisponde ai canoni del nostro tempo: forme semplici, linee morbide, simmetria e minimalismo. Sono riusciti a ottenere questo risultato utilizzando solo tre colori: bianco per lo sfondo, giallo per la linea sotto il nome della squadra e marrone scuro per tutti gli altri elementi.

La variante risalente a quel tempo sembra elegante e moderna. È adattato affinché le funzioni progressive abbiano un aspetto spettacolare su tutti i supporti elettronici, stampati e pubblicitari. Lo sfondo è costituito da tre strisce nere che non raggiungono il bordo dell’ovale. Sopra la metà c’è il club; sotto di essa c’è una striscia gialla ad arco. In fondo c’è un toro bianco all’interno dello scudo. Tutto questo è una versione 3D. Nello stesso anno sono state presentate altre opzioni: in 2D con e senza stelle.

2017 – presente

Il 16 gennaio 2017, il team ha svelato il logo senza corona, toro torinese, zebra e scudo ovale. Non resta che la parola “JUVENTUS” e due linee nere frastagliate, separate da uno spazio bianco vuoto.

Il logo attuale è il più elegante. È radicalmente diverso dai suoi predecessori e si presenta come due strisce parallele curve a forma di “J”. Il carattere giusto è associato a una lettera maiuscola; il carattere di sinistra è associato a una lettera minuscola.

Ha attraversato diverse fasi di trasformazione, che hanno portato i suoi grandi cambiamenti. Il primo avvenne nel 1921 quando apparve il colore. Il secondo è stato nel 1979. Poi l’immagine di un cavallo bianco è apparsa sul logo – il terzo – nel 1989, con un ritorno al disegno precedente. Quarto: nel 2017, quando il logo è diventato radicalmente diverso dall’originale ma il più vicino possibile ai requisiti di tempo. In ogni caso, hanno tutti strisce bianche e nere che riflettono l’identità visiva del club. Inoltre, la maggior parte dei periodi sono caratterizzati da un ovale verticale con una corona.

Carattere e colore dell’emblema

Per i primi settant’anni i loghi della Juventus rimasero pressoché invariati, tranne per il periodo dal 1929 al 1931, quando si decise di associare l’identificazione visiva del club al soprannome Le Zebre. La zebra è tornata di nuovo alla fine degli anni ’70, ma è durata poco: l’ovale con la corona e il toro è rimasto il simbolo onorario della squadra fino al 2017. Di conseguenza, l’agenzia di design Interbrand ha sviluppato il famigerato logo J, che ha causato un ondata di critiche.

I dipendenti di Interbrand hanno inventato l’insolito carattere della parola “JUVENTUS”. A giudicare dalla caratteristica lettera “N”, si basavano sulla vecchia ortografia del nome, che appariva sul logo nel 1921.

Il nome della squadra italiana è scritto in un carattere sans serif elegante e allungato. Tutte le lettere sono maiuscole. I colori di base del club sono una combinazione di bianco e nero, blu scuro e giallo dorato.

L’emblema del club moderno è in bianco e nero. Nelle versioni precedenti venivano usati colori aggiuntivi: blu (come sullo stemma di Torino) e oro (simbolo di gloria).